Chicche di Stile

Chicche di stile: Bionde e cappotti cammello (camel coat)

Cappotto cammello storia

È color cammello, ma ricorda anche il caramello. E preferisce le bionde. Ecco una breve storia illustrata dell’outfit più chic dell’inverno 2016: il cappotto cammello, o camel coat.

Il cappotto camel preferisce le bionde. È retrò senza trascendere in un mood troppo vintage, è sofisticato (“gattamortiano” direbbe qualcuno) ma può essere indossato con un paio di Adidas Stan Smith senza perdere la propria allure chic. Il camel si caratterizza per essere un passepartout: anzi, come rivela Laura Lusuardi, fashion director di Max Mara, è il nuovo nero, “perché è un colore neutro ed è quindi estremamente facile e versatile negli abbinamenti; è conservatore e maschile ma può essere anche molto informale e perfino sportivo“. In realtà, una bionda (miele, platinata, mechata, caramellata, fragola) che indossa un camel coat a uso e consumo dei fashion hashtag su Instagram non è detto che conosca la storia del capo e lo status symbol corrispondente, estroso, favoloso e diverso a seconda delle epoche.

I primi cappotti cammello apparirono alle Olimpiadi di Londra nel 1908 ma il capo deve la sua iconica fortuna agli anni ’50 e oltre, e si porta dietro anche la fama annessa di riuscire a “influenzare” gli eventi, come se fosse un oggetto magico. Non ci credete? Chiedetelo a Bruno Pesaola, l’ultimo allenatore ad aver vinto uno scudetto a Firenze (1969) esultando sotto un capospalla camel. Lo conserva ancora anche se lui dice “Il cappotto bisogna averlo in testa, per vincere nel calcio”.

Camel coat

Tra sogni e magie, il cappotto cammello “esplode” come simbolo di “stile maledetto” mescolato alla “urban elegance” negli anni ’50. Lo portavano icone come Marilyn Monroe e Audrey Hepburn ma lo indossavano anche divi con le identità frantumate come Marlon Brando in “Ultimo Tango a Parigi” (come dimenticare la sua passeggiata) o Alain Delon, a cui sembrava cucito addosso insieme all’impasto delle sue insicurezze e al fascino malinconico. Pelo, pellicce, lana e bottoni nel film di Bertolucci veicolano il disagio esistenziale e il ripiego erotico dei protagonisti.

Camel Coat 3

Nel 1982 Max Mara lancia la propria punta di diamante, il modello 101801, “Un oggetto di design” dichiara Laura Lusuardi “Un doppiopetto in beaver e cachemire che rispetta due requisiti basilari: versatilità e vestibilità”. E il cappotto cammello rivive, interpretando gli eventi istituzionali della Principessa Diana, l’inquietudine “cenerentoliana” di Barbra Streisand in “Come eravamo” o le serate grunge-chic di Kate Moss.

Camel Coat - Cappotto Cammello

Rieditato, rimasticato e ri-fashonizzato da Laura Biagiotti, Alexander Wang o Stella McCartney, il camel coat scivola nella modernità liquida degli anni della sharing economy e delle vetrine social(i). I puristi del colore lo associano alle bionde: come le tinte castagna o cioccolato si adattano ergonomicamente alle more, le bionde vestono i grigi ghiacciati e la delicata tonalità del cammello con una leggerezza pronta da Instagrammare, in grado di riattualizzare un evergreen adattandolo alla propria cornice, quella dello sporty chic (il cappotto cammello 2016 è abbinato a scarpe da tennis, pellicciotti corti e confeziona splendide bambole urban-glam). Prima il camel coat era veicolo di frantumazione interiore, ora è la chiave (social) che apre il Paese delle Meraviglie. Nella prossima epoca, chissà.

Cappotto cammello Gigi Hadid

Photo Credits Pinterest, Instagram

 

Commenti

commenti

Un sito verticale su tutto ciò che fa tendenza: moda, design, eventi, le modelle e i modelli più in voga.

(In)Seguiamo tutto ciò che è glamour per passione e curiosiamo tra passerelle, armadi vintage e street style per poi dirvi cosa abbiamo visto e ispirarvi. Noi vi parliamo di moda, voi la vivete. A raccontarvela ci pensano invece i fashion e lifestyle blogger più famosi e promettenti nelle nostre interviste!

Copyright © 2016 MetUp srl

To Top