I Phone la mela che ci ha cambiato la vita

Tutto ebbe inizio 10 anni fa, il 9 gennaio 2007 a San Francisco quando Steve Jobs presenta alla conferenza di apertura del Macword il primo I Phone. Con l’intuizione e il genio che lo ha sempre contraddistinto affermó di aver reinventato il telefonino, aveva proprio ragione, una nuova era della comunicazione era cominciata. Oggi a distanza di solo un decennio da quella data ci chiediamo come facevamo prima senza il nostro fedele amico in tasca, la tecnologia che gira sull’ I Phone ci ha cambiato il modo di vivere in meglio facilitandoci alcune funzioni, ma forse ci ha fatto perdere anche qualche aspetto dei rapporti umani.

I Phone la mela che ci ha cambiato la vita

 

I numeri del successo sono arrivati già da subito, oltre le previsioni, Jobs aveva stimato di arrivare a venderne 10 milioni nel 2008 e questo obiettivo è stato pienamente raggiunto. Peccato che lui non sia riuscito a vedere i risultati delle vendite a fine 2016 dove la stima parla chiaro, sono stati comprati un miliardo e mezzo di cellulari intelligenti e la previsione è di arrivare a 5 miliardi di persone connesse al web con un dispositivo mobile per il 2020. Chiaramente sono arrivati gli altri colossi dell’informatica a riempire il mercato con telefonini intelligenti compresi gli asiatici Samsung e Huawei, ma chiaro è che tutto è cominciato dall’azienda di Cupertino. Oggi almeno 2 miliardi di persone usano uno smartphone che gli risolve e gestisce la vita! C’è già chi pensa a settembre 2017 quando da casa Apple dovrebbe essere presentato il nuovo I Phone 8, aspettiamo e vedremo!

I Phone la mela che ci ha cambiato la vita

La semplificazione tecnologica è la chiave del successo, conosciamo bene cosa si può fare con uno smartphone ma di giorno in giorno c’è  una sorpresa, un aggiornamento del sistema ci permette di avere sempre più scelte di servizi e a volte oltre a semplificare la vita ci crea bisogni nuovi che piano piano diventano necessari. È il caso dell’App di Whatshapp, a cosa poteva servirci un sistema di messaggistica se già avevamo sms? Eppure oggi è il traguardo della comunicazione semplificata e scritta velocemente. Foto, video, telefonate a credito zero e video telefonate, chi può farne a meno di questa tecnologia? Cosi’ il vecchio scanner per documenti va in pensione, basta una foto mandata in messaggio whatsapp anche dalla strada che in pochi secondi un documento, una ricevuta, cartelle cliniche, analisi giungono a destinazione dall’altra parte del mondo a costo zero e senza perdita di tempo e stress di recarsi in ufficio in fretta. Utile certo come quando ci si dimentica di fare gli auguri ad un amico ed è già mezzanotte e come si fa? Un messaggio ti salva dalla brutta figura!

I Phone la mela che ci ha cambiato la vita

Ma non sarà un pó troppo? Gli adolescenti italiani non ne possono fare a meno, comunicano in questo modo anche da una parte all’altra della casa, per non parlare dei giochi scaricabili, li isolano in un mondo parallelo, ci sono, sono insieme ma ognuno gioca con il proprio smarthphone ormai un fenomeno diffusissimo che crea dipendenza e disabitua i ragazzi al confronto verbale. Ma si torna sempre ai soliti nodi, l’esempio la dice lunga, gli adulti si scrivono non si parlano più, i discorsi silenziosi e le polemiche dilagano e sono un esempio per i giovani. Cosa ci aspettiamo dal futuro? Speriamo che la tecnologia ci aiuti ma non abbia il sopravvento, lo smartphone resta comunque un telefono, chiamare, sentire la voce, vedere che qualcuno ti cerca fa sempre piacere, siamo umani non ci facciamo disumanizzare!

I Phone la mela che ci ha cambiato la vita

L’I Phone è diventato uno status symbol di un’era intelligente, la più intelligente che il mondo abbia mai avuto. Ma è sempre e solo uno strumento, magnifico, a nostra disposizione. È l’oggetto, non il soggetto. È il tramite verso un futuro che possiamo guidare pensando in modo diverso. Think Different: lo diceva proprio Steve Jobs molto prima dell’IPhone.

Photo Credits Pinterest

 

Commenti

commenti