Xu Zhi, da Londra a Milano sotto il segno di Re Giorgio

Il luxury brand cinese Xu Zhi, selezionato da Giorgio Armani per sfilare durante la settimana milanese della moda, ha portato in passerella una donna estremamente poetica, che ama capi dalle lavorazioni preziose, dalla qualità inconfondibile e dai modelli che regalano fascino e poesia.


Era il 2014 quando il designer cinese Xuzhi Chen, appena laureatosi alla prestigiosa Central Saint Martins di Londra, ha fondato un proprio brand iniziando a proporre collezioni contemporanee per estetica e per artigianato. Segno distintivo della maison: l’innovazione materiale al centro di ogni pezzo.
Il giovanissimo marchio si chiama Xu Zhi, apprezzato nei mercati europei ma anche asiatici. Le sue creazioni hanno conquistato Londra, Parigi, la Cina e adesso anche Milano. Ogni capo è frutto di un’attenzione maniacale per il taglio, il tessuto, la ricerca di una silhouette unica e la qualità. All’occhio attento non sfuggono quei dettagli che rendono l’abito immediatamente connotabile come “lussuoso” e “ricercato”.


Giorgio Armani, che continua a supportare il lavoro dei giovani designer internazionali, gli ha “spalancato” le porte della piazza milanese scegliendolo per sfilare durante la “Milan Fashion Week”. Xu Zhi ha ricambiato stregando il parterre con virtuosismi stilistici come le preziose sovrapposizioni di tessuti dall’orlo sfrangiato e complicati intarsi.

La sua collezione invernale è stata ispirata dalla “piece”artistica “The Visitors” di Ragnar Kjartansson, espressione del grande contrasto tra vulnerabilità e forza: i musicisti, ad esempio, sono elementi distinti di un’orchestra ma il grande risultato si ottiene nel suonare tutti insieme, nel far parte di un unico organismo con un identico scopo.


Tra le proposte griffate Xu Zhi creazioni dalla silhouette sottile con originali sovrapposizioni rese possibili da una precisa abilità sartoriale. L’insieme è morbido e avvolgente, con “intrecci” sapienti distribuiti lungo tutto l’abito. La tecnica di lavorazione è ancora più elaborata rispetto a quella della collezione precedente e il risultato è che il capo è incredibilmente leggero e sontuoso pur nella sua “semplicità”.
La palette comprende colori classici della stagione fredda come il cammello, il marrone scuro, il nero, il blu mare e altri che promettono di diventare must di stagione come il verde bottiglia e il giallo vibrante.
Xuzhi Chan si è detto deliziato per aver avuto in questa occasione l’appoggio di uno stilista tanto apprezzato nel mondo come Giorgio Armani e della Camera Nazionale della Moda Italiana. Il suo debutto italiano non poteva avere sostenitori migliori.

Photo credits: Press Office Xu Zhi, Karla Otto

Commenti

commenti