Chicche di Stile: lo chignon (o bun)

Questa settimana Chicche di Stile si occupa dello chignon (detto anche bun), il raccolto più famoso di tutti gli hairstyle. Ecco la sua storia.

La nostra rubrica Chicche di Stile questa settimana si occupa dello chignon, una pettinatura classica e intramontabile, spesso associato alle ballerine classiche ma anche alle più comuni manifestazioni di bon-ton. Si tratta, naturalmente, di un termine francese: l’etimologia proviene da “chignon du cou”, che sta a indicare la nuca: questa elegante acconciatura viene realizzata semplicemente raccogliendo tutti i capelli in un nodo o una cipolla alla sommità della nuca; si lega soprattutto a eventi speciali, come il matrimonio, ma anche a frangenti sportivi o nel mondo della danza classica (lo chignon è la pettinatura per eccellenza delle ballerine con tutù e scarpette).

In realtà lo chignon (pur non chiamandosi così all’epoca) ha origini antichissime: era noto già nell’antica Grecia, dove veniva arricchito con fiori o oro mentre nell’antica Roma di solito era rinforzato con extension posticce per aumentare il volume della chioma. Questo tipo di acconciatura vive fasi alterne di fortuna e sfortuna: il boom si registra nell’Ottocento, quando le dame impreziosivano con forcine, gioielli e ornamenti particolari i loro raccolti; nel frattempo lo chignon andò a caratterizzare il mondo della danza classica e fu associato per antonomasia alle ballerine o alle pattinatrici sul ghiaccio.

chignon

Un’acconciatura così classica declina poi nei primi del ‘900, quando le nuove tendenze di onde, capelli alla maschietto e tagli corti spazzano via la classicità dei raccolti (salvo la parentesi degli anni ’40, dove lo chignon assume una forma dimessa); nel dopoguerra però la pettnatura ri-esplode, prendendo la forma di quella che conosciamo come banana, incrociando volumi e cotonature, trovando delle varianti: ad esempio, la diva Brigitte Bardot lo portava con una frangia spiovente.

Chignon

In quel periodo ricordiamo anche un grande mago degli chignon, Louis Alexandre Raimon, che aveva un salone a Parigi ma fu scelto dalle donne più importanti del mondo per farsi pettinare: da Liz Taylor a Jackie Kennedy, che nel 1961 sfoggiò un raccolto unico, dove brillavano mille diamanti. E come dimenticare Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany? Una nota particolare: tra gli uomini fu adottato da Oscar Wilde, che mostrò ufficialmente alla fondazione della Fabian Society (e contribuì alle accuse di omosessualità controlo scrittore). Negli ultimi tempi si è registrata una sock-bun mania: parliamo dello chignon realizzato con l’ausilio di un calzino arrotolato e con la punta tagliata, a realizzare il volume necessario dell’acconciatura; la moda ha coinvolto star come Katy Perry e Kim Kardashian.

Audrey Hepburn Chignon

LEGGI ANCHE CHICCHE DI STILE: LA GIACCA DENIM

Photo Credits Pinterest

 

Commenti

commenti