Vanessa Incontrada: “Non voglio più sentire la parola curvy”

Vanessa Incontrada è stata la protagonista della nuova capsule collection di Elena Mirò, disegnata dall’attrice insieme agli stilisti del brand. E ha rilasciato una dichiarazione particolare ai microfoni de Il Corriere…

Vanessa Incontrada è tornata a collaborare con Elena Mirò per una nuova capsule collection destinata alle donne eleganti e sensuali. La capsule, che utilizza la stessa Incontrada come testimonial, propone giacche pied-de-poule, morbidi capispalla, pantaloni a vita alta o a sigaretta, abiti invernali. La star è stata intervistata da Il Corriere in Piazza della Scala, dove la presentazione della nuova linea per Elena Mirò ha coinciso con l’apertura di un nuovo flagship store del brand.

Ai microfoni del Corriere, Vanessa è stata piuttosto tranchant: “Spero di non sentire più la parola curvy” ha dichiarato. Non esiste distinzione tra curvy e non curvy, la sua linea è indirizzata… alle donne e basta. “Sono felice e orgogliosa di rappresentare questo modo autentico, reale, di interpretare ed esaltare la femminilità. È bello poter indossare capi che possano valorizzare al meglio le donne, senza mai dimenticare il lato sensuale”. La distinzione curvy-magre è lesiva della dignità femminile secondo Vanessa, che ha subito parecchie critiche per la sua forma fisica.

Le sue forme sono state attaccate da hater e commentatori, anche in occasione della partecipazione al Wind Summer Festival. Ma Vanessa Incontrada non ha intenzione di cambiare sé stessa per niente e per nessuno, e la sua linea è creata per venire incontro alle esigenze di tante donne diverse, che vogliono sentirsi sexy senza perdere mai la classe e lo stile. Nella collezione spicca una t-shirt con la scritta “Prima sorridi, poi tutto il resto”: la Incontrada ha spiegato che affrontare la vita col sorriso e con positività è la propria arma vincente.

LEGGI ANCHE VANESSA INCONTRADA PRESENTA LA NUOVA CAPSULE PER ELENA MIRO’

Photo Credits Ufficio Stampa

Commenti

commenti