ibamboli: la famiglia “preziosa” da portare sempre al polso

I gioielli dell’affetto: si fanno chiamare così ibamboli, i bijoux, al 100 per cento made in Italy, che permettono di portare sempre al polso tutta la famiglia. Per chi non li avesse presenti, si tratta di quei bracciali in argento, in cuoio o in caucciù nei quali infilare vari soggetti realizzati artigianalmente – in argento o in oro – a forma di casa, di donna (mamma), uomo (papà), bambina (figlia), bambino (figlio) e addirittura a forma di animali domestici (cani, gatti, conigli e cavalli) sempre più presenti nelle famiglie di oggi. Non mancano, poi, i simboli più tradizionali come il cuore, il sole, il quadrifoglio portafortuna e la macchina.

Ogni soggetto scelto può essere inciso con i nomi dei vari componenti della famiglia, in modo da realizzare un gioiello sicuramente unico. Tutti i personaggi de ibamboli nascono dall’unione di design e di ricercato traforo con cui ogni singolo pezzo viene creato e personalizzato. Si tratta di disegni stilizzati, piatti, ma proprio per questo particolari e simpatici. “Gioielli di lusso accessibile“, come l’azienda madre, la Green Hill Due, definisce le sue creazioni. Non solo: dopo il successo de ibamboli, il marchio ha deciso di aggiungere un tocco trendy al design e all’artigianalità dei suoi prodotti creando Be Mind: una linea di gioielli realizzati in argento puro 925 (sia lucido che brunito) caratterizzati da cristalli di tantissime cromie e da intarsi molto scintillanti.

i bamboli bracciali

In vista delle festività, ovviamente le proposte de ibamboli non mancano: “Natale è vicino! Scegli e personalizza ora i tuoi e preziosi ibamboli, componi un gioiello davvero speciale, rendendolo un dono assolutamente unico!“, ha scritto l’azienda sulla sua pagina Facebook per invogliare i clienti all’acquisto di una delle tante composizioni ibamboli. E, magari, se si sta pensando proprio a un gioiello per sorprendere la persona che si ama, questa potrebbe essere un’alternativa originale e diversa dal solito.

Foto by Facebook

Commenti

commenti