3 appuntamenti da non perdere per il matrimonio cibo e cinema al VOY

Metti una sera a cena con amici, contesto carino e informale dove si proiettano delle scene tratte da alcuni film che ispirano dei piatti, situazioni, emozioni e gusti che ne conseguono. Un gioco simpatico: se questa scena o questo personaggio fosse un cibo, un sapore, un frutto, qualcosa da assaporare cosa sarebbe? E perché ? E’ così  che nella sala del ristorante girando tra i tavoli Marco Lombardi ideatore della Cinegustologia ®, critico cinematografico ed enogastronomico anche docente presso La Sapienza di Roma e l’Università  Suor Orsola Benincasa di Napoli, intervista gli “spettatori-commensali”!

Divertimento e condivisione sono alla base della cena spettacolo, in un’atmosfera del tutto inaspettata persone si scambiano opinioni, ci si trova a condividere o a parlare con il vicino di tavolo che non si conosce. Si chiama anche Alchimia.Sono 3 gli appuntamenti della Cinegustologia® Romana a maggio, nel centrale quartiere di Ponte Milvio, famoso per i lucchetti dell’amore che gli innamorati serrano sulle ringhiere, la location questa volta è il ristorante VOY . Il tema centrale e a fare da treit-d’union in queste serate è l’Amore in tutte le sue declinazioni, gioia, passione, violenza, ironia, tradimento, una bella sfida nella scelta dei film e degli accoppiamenti ai piatti in tavola. 

Alle cene parteciperanno alcuni celebri personaggi del mondo del cinema.

La prima serata quella dell’8 maggio è stata un successo, tema della serata “La voglia matta”, 4 film e 4 piatti intorno al tema del desiderio. Il film “La voglia matta” (1962) con un giovane Ugo Tognazzi e una giovanissima Catherine Spaak nell’interpretazione del desiderio che lui ha di lei di possederla mentre lei lo provoca. La Spaak non risulta essere troppo sensibile al fascino dell’uomo più grande di lei e come in un gioco dopo a un bacio non va oltre, lui resta un po’ “mollaccione” come un polpo, cotto ma con l’amaro in bocca di non essere riuscito nel suo intento, da qui l’antipasto carpaccio di polpo alla griglia con croccante di carciofi e salsa tartara.

 

Il secondo film “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” (1974). Chi non ricorda la scena d’amore e violenza, di passione disperata, peggio di una malattia, di rancore di lui che si sfoga su di lei imponendole con la forza di amarlo, Giancarlo Giannini nel film interpreta Gennarino e Mariangela Melato naufraghi sulla spiaggia. Il groviglio dei corpi nella scena diventa un nodo di spaghetti aglio, olio e peperoncino su carpaccio di ricciola e bottarga di pane. Il peperoncino è Gennarino e lei la ricciola mentre la bottarga è la sabbia.

“L’ultimo bacio” dalla scena di rabbia, film carnale, lui Gabriele Muccino scoperto di aver tradito la moglie incinta, torna a casa dopo aver fatto un incidente stradale cercando di ricomporre la storia, da prima negando e poi ammettendo la sua colpa, rischiando anche di essere accoltellato dalla moglie in preda a una crisi di follia e isterismo. Da qui bottoncini di manzo con miele e guanciale. La scoperta del tradimento vuole essere una verità  cruda come la carne al suo interno, l’apparente mondo ovattato della società del film di Muccino è il miele ma di castagno per cui lascia un retrogusto amaro.

 

A terminare la serata anche l’aspetto ironico e di satira come solo Checco Zalone nei suoi film sa fare e ripropone in “Cado dalle nubi” la scena di lui che cantando in un ristorante dichiara alla sua amata di volerla sposare e di abbracciare con lei tutto ciò che di più sfortunato ci possa essere, di accudirla nella malattia e di spingerle la sedia a rotelle quando diventerà anziana! Risate a volontà in sala, divertimento sui volti dei partecipanti circa 40 tra i 20 e i 70 anni, un pubblico variegato, con la passione per il cinema e il buon gusto in tavola, con la voglia di mettersi in gioco e dire la propria entrando da protagonisti nel gioco “cine-gastronomico”. A chiudere la serata un tortino di cioccolato con il cuore caldo con gelato alla crema per rappresentare il contrasto caldo freddo, dolcezza e amarezza insieme nella scena del film.

 

Le altre 2 serate sempre ispirate all’Amore nel mese di maggio saranno il 16 maggio dal tema “Innamorato Pazzo” e il 25 maggio con “Sesso Matto”.

www.cinegustologia.it

Al VOY ottimo bar per cocktail a tema serata, questo in foto Passione Artica!

Photo Credits Sofia Petti

Commenti

commenti