Milano Fashion Week 2018 Diary, le sfilate di Max Mara,Fendi, Pucci, Prada

La terza giornata della Milano Fashion Week è stata sotto il segno di Fendi, Max Mara, Prada, Luisa Beccaria e tanti altri brand. Ecco un recap della giornata di passerelle e sfilate.

Prosegue la Milano Fashion Week e prosegue anche il Diario di Velvet Style che cerca di riassumere gli highlight di ogni giornata di sfilate. La terza giornata della settimana della moda, dopo gli exploit di Moncler, Gucci, Moschino, Alberta Ferretti e gli altri si è aperta con Max Mara.

Max Mara ha regalato un fashion show spettacolare in salsa post-punk e animalier: le modelle, con le sorelle Hadid in prima linea con Doutzen Kroes e Lara Stone, hanno interpretato le derive postmoderne delle donne divise tra lavoro e tempo libero, affidate ai make up strong, alle trame animalier, ai completi classici da ufficio rivisitati con echi trasgressivi come gli occhi cerchiati di nero, gli smokey, gli eyeliner, le trame ghepardate, i capelli a effetto wet. Non sono mancate gonne maxi, cappotti, capi in pelle abbinati a t-shirt dal mood rock e bretelle.

Luisa Beccaria non ha perso la propria impronta romantica con fiori onnipresenti, eleganti fantasie tartan sui toni del blu-azzurro, tailleur romantici e quadrettati, spunti vittoriani, pizzi, ricami, trasparenze, collant, long dress in velluto dal taglio regolare e dalle trame geometriche. I tessuti spaziano dalle lane più pregiate e super-lavorate, la seta. l’organza, il tulle, pizzo rivisitando temi bohemian o dandy come il cappello, le ispirazioni pied-de-poule e tartan. I colori sono sempre tranquilli e temperati: Luisa Beccaria ha giocato molto sui bluette, i grigi, i marroni chiari, i verdi spenti, i rosa cipriati.

Fendi ha puntato su uno stile sobrio, raffinato, classico, eterno e romantico. Le modelle hanno vestito i colori più soft possibili, con una predominanza del rosa cipria, del fango, del panna. Eleganti capispalla con bottoni in rilievo, colli di pelliccia, trench lucidi, sciarpe, mantelle, ankle boots e stivali alti a punta abbinati a morbide gonne bon-ton hanno dominato la performance fashion dell’iconico marchio romano. In prima linea a sfilare per Fendi c’erano le sorelle Hadid.

Pucci non tradisce la sua indole “colorista” e cerca nuove sperimentazioni a effetto optical di forme e colori. Le sue creazioni cercano nuovi volumi e forme espressive cromatiche su una palette fredda, dal violetto al fucsia, dal verdeacqua al blu. Maxi-gonne, completi, jumpsuit e outfit oversize dominano le sagome colorate dei look in passerella.

Per Prada il prossimo autunno-inverno sarà all’insegna del colore: tinte fluo e tulle sono gli ingredienti principali della collezione che ha sfilato portando una ventata di futurismo e nuance sgargianti in passerella. Trasparenze, tulle, fiori, gonne ampie, calzini in lycra, sportwear e skiwear in goretex e neoprene (dagli stivali alle giacche oversize) hanno regnato nella sfilata diretta da Miuccia Prada.

LEGGI ANCHE MILANO FASHION WEEK 2018 DIARY: LE SFILATE DI GUCCI, ALBERTA FERRETTI E MOSCHINO

Photo Credits Twitter

 

 

Exit mobile version