Rinascente, sempre più arte ed eventi nel flagship di via del Tritone

Il multibrand di via del Tritone, Rinascente, sta proponendo una serie di eventi di altissimo livello che lo rendono più simile a un luogo d’arte globale che a un negozio dove recarsi solo a fare shopping. Tra gli ultimissimi la presentazione dell’installazione dell’artista francese Xavier Veilhan, intitolata “Mobile”, nel cavedio del palazzo storico romano e “Art of Fragrance”, dedicato a chi nella vita si lascia guidare anche dal senso dell’olfatto.

Che i luoghi dello shopping fossero cambiati si era capito guardando i tanti “concept store” sparsi per l’Italia che del negozio tradizionale non hanno praticamente più nulla. Ma che una grande struttura in grado di offrire i migliori brand al mondo fosse anche in grado di proporre arte e cultura di altissimo livello, è un bel sogno diventato realtà.

Rinascente di via del Tritone, a Roma, da quando è stato inaugurato è diventato il punto di riferimento per chi, oltre allo shopping, desidera tornare a casa con qualcosa di più: la meraviglia. Perché le tante mostre, eventi, presentazioni, che si sono svolti nel corso dei mesi lo hanno reso un vero e proprio centro culturale, dove ogni forma di arte contemporanea è valorizzata e proposta con garbo ai visitatori.

Ha riscosso grande consenso il mese scorso l’installazione “Mobile” del francese Xavier Veilhan, artista per cui l’arte è lo strumento indispensabile per comprendere il passato, il presente e affrontare il futuro, che dal 23 febbraio, fino a tutto il 2019, arricchisce il cavedio di Rinascente. E’ un allestimento aereo che si sviluppa in altezza, dal primo al sesto piano per un totale di 21 metri, composto da sfere colorate il cui diametro misura circa quattro metri.

“Quando ho immaginato quest’opera, l’ho pensata già immersa nello spazio dove sarebbe stata ubicata”, ha spiegato l’artista che dai primi anni novanta ha proposto varie, pregevoli installazioni immersive. “Il concetto di opera e di spazio sono talmente legati, fusi insieme, che non ci sarebbe l’una se non ci fosse anche l’altro”.

Infatti queste sfere non sono “fisse”, un mero ornamento, ma cambiano continuamente posizione, interagiscono con lo spazio del cavedio e con gli stimoli che vengono dall’esterno: il movimento delle persone all’interno del flagship store, il flusso dell’aria che cambia in base alle correnti interne al Palazzo.

Con questi grandi dischi variopinti, la cui maestosità però non è percepita dal visitatore come “oppressiva”, Xavier Veilhan ha voluto “materializzare” lo scorrere dei pensieri degli ospiti di Rinascente, il fluttuare delle loro fantasie e ricordi. “In genere davanti a un’opera, anche naturale, di una certa grandezza, ci si sente piccoli, quasi schiacciati. Non è questo il caso perché le sfere che compongono Mobile si muovono, in modo che tutta l’opera si evolve mantenendo integra la propria essenza”.

Sabato 23 e domenica 24 marzo invece è stata la volta di “Art of Fragrance”, un evento anch’esso “immersivo”, un viaggio incantato attraverso percorsi olfattivi alla scoperta delle essenza più pregiate. Un’esperienza multisensoriale guidata da veri esperti del settore: i migliori maître parfumeur in circolazione. Gli ospiti hanno potuto apprezzare le materie prime di eccellenza grazie a proposte di “sartorialità olfattiva”, ovvero studiate “ad hoc” per ognuno in base ai propri gusti, alla propria pelle, alla propria percezione dei profumi.

Tanti i brand che hanno dato la possibilità agli appassionati di consulenze personalizzate: Chanel, Guerlain, Jo Malone, Yves Saint Laurent e Sisley. Cartier, Hermes e Dolce & Gabbana. Bulgari addirittura ha proposto la “live performance” di un flower designer in cui l’artista ha creato una composizione decorativa ispirata alle nuance preferite di ciascun visitatore.

L’appuntamento di Rinascente con l’arte si rinnoverà ad aprile e nei mesi a venire: stupire ormai per il flagship store di lusso è diventato imperativo.

Photo credits: Rinascente Press Office Karla Otto, Tnb

Commenti

commenti