La casa (temporanea) di Elettra Lamborghini a Milano

La cantante ha mostrato la sua casa a MTV Cribs Italia

Elettra Lamborghini è la protagonista della nuova puntata di MTV Cribs Italia e ha mostrato l’interno della sua casa, seppur temporanea, a Milano. La cantante nonché ereditiera di recente è approdata in prima serata su Canale 5 come opinionista de L’isola dei famosi, in compagnia di Tommaso Zorzi e Iva Zanicchi.

La giovane influencer ha pronunciato il fatidico sì all’altare a settembre 2020, sposando il DJ Afrojack. Ma, in attesa del termine dei lavori per la loro nuova casa, Elettra ha deciso che trascorrerà il suo tempo presso questa cribs temporanea milanese. La puntata che vede protagonista la Lamborghini è andata in onda mercoledì 31 marzo su MTV e ha mostrato una casa con pareti grigie e mobili in legno dalle vaste dimensioni.

La casa temporanea di Elettra Lamborghini raccontata a MTV Cribs Italia

La casa temporanea di Elettra Lamborghini non manca di comfort in ogni dove: dispone infatti di una spaziosa sala da pranzo, un bar, una spa e una larga piscina panoramica con vista sulla città, “Come sapete, io e mio marito abbiamo da poco comprato casa, ci siamo fatti prendere la mano e abbiamo demolito tutto, quindi ci vorranno almeno sei mesi. Per questo siamo un po’ in giro“, ha raccontato la cantante alle telecamere di MTV.

“Quando sono da sola, preferisco spazi non troppo grandi perché mi sento molto, molto sola e poi ho paura a dormire la notte, non si sa mai”, ha aggiunto Elettra Lamborghini. La casa si presenta con uno stile molto minimal che ha sicuramente catturato l’attenzione dei telespettatori e dei fan della cantante.

“Ho scelto questo posto perché sono molto meteoropatica, adoro molto la luce”, e infatti l’appartamento di Elettra è luminosissimo. Si gioca anche con i colori interni, dalle pareti chiare al mobilio (dal divano color panna ai quadri affissi alle pareti), ma anche con le finestre a vetri e il lungo balcone che affaccia sulla città.

LEGGI ANCHE: Ikea Art Event Collection 2021, quando l’arte diventa funzionale

Exit mobile version